Castelli
Fa parte dell'itinerario: L'eredità dei Marchesi



Castello della Manta

Manta, Via al Castello, 14


Sulla collina in direzione di Cuneo, a quattro chilometri dal centro di Saluzzo, si trova il Castello della Manta, frutto di numerose aggregazioni che si sono aggiunte all’originario nucleo fortilizio del XIII secolo. 

All’inizio del Quattrocento il castello iniziò ad assumere l’aspetto attuale e, grazie all’opera della nobile famiglia dei Saluzzo della Manta, si trasformò gradualmente da piazzaforte medievale in palazzo signorile.

All’interno si susseguono diversi ambienti di prestigio ma soprattutto il salone Baronale a meritare una visita particolarmente attenta per il ciclo di affreschi che ne ricopre totalmente le pareti, una rara testimonianza di pittura profana tardogotica del nord Italia. 

I dipinti, affrescati poco dopo il 1420 e attribuiti al “Maestro della Manta”, raffigurano una successione di prodi e di eroine, ripresi dalla tradizione iconografica classica ebraica e cristiana e raffigurati con preziosi abiti quattrocenteschi: sono diciotto figure quasi a grandezza naturale, che si stagliano su un fondo color pergamena. 

Nella parte di fronte si può invece ammirare la cosiddetta “Fontana della Giovinezza”, antico sogno dell’eterna gioventù secondo la tradizione dei romanzi francesi medioevali e allegoria di moda nei castelli d’oltralpe del ‘300. Con arguzia e sarcasmo è descritta la cavalcata di imperatori, vescovi, regine in una corsa affannosa per riacquistare il vigore della lontana giovinezza. 

Degna di visita è ancora la Sala delle Grottesche, decorata da figure allegoriche e scene mitologiche, testimonianza importante della cultura manierista nel saluzzese. Accanto al castello è la chiesa castellana di Santa Maria che custodisce al suo interno due ambienti di particolare pregio pittorico, entrambi recentemente restaurati. 

Dal 1984 il castello e il parco sono stati donati dai conti De Rege Theusauro al FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, che ne ha curato l’apertura al pubblico e l’organizzazioni di eventi e manifestazioni.

Eventi da non perdere


prev next

In primo piano


prev next